Indice del forum

.

.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il limone
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Casa, Dolce Casa -> Il Giardinaggio & l'Orticello
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Staff

Guru
Guru


Admin



Registrato: 27/10/10 09:47
Messaggi: 2315
Staff is offline 
Media Voti Post: User is appraised 3.33 out of 5






italy
MessaggioInviato: 21 Set 2014 21:58:55    Oggetto:  Il limone
Descrizione:
Rispondi citando

Il Limone (Citrus limon (L.) Burm.) è originario dell'India e dell'Indocina.
Secondo alcuni studiosi è un ibrido naturale tra il cedro (Citrus medica) e il lime (Citrus aurantifolia).
L'albero del limone (alto fino a 6 metri) ha un portamento aperto ed i rami a frutto sono procombenti; i rami sono normalmente spinosi.
Le foglie sono alterne, rossastre da giovani e poi verde scuro sopra e più chiare sotto, generalmente ellittiche.; il picciolo è leggermente alato.
I fiori, dolcemente profumati, possono essere solitari o in coppie, all'ascella delle foglie; in condizioni climatiche favorevoli sono prodotti praticamente tutto l'anno. Il bordo dei petali è violetto. I frutti sono ovali oppure oblunghi, con apici appuntiti: Normalmente la buccia è gialla, ma ci sono varietà variegate di verde o di bianco: ricca di olii essenziali, può essere più o meno sottile: la polpa è divisa in otto-dieci spicchi; generalmente è molto aspra e succosa: molte varietà sono prive di semi.
Il limone è una specie rifiorente. I flussi principali di fioritura sono in primavera, con la produzione dei limoni invernali, e in settembre, da cui derivano i cosiddetti verdelli (che maturano nell'estate seguente). Per favorire la produzione di questi ultimi, che ottengono prezzi migliori sul mercato, si utilizzano tecniche particolari come l'interruzione delle irrigazioni per un certo periodo.
Il limone è piuttosto sensibile al freddo e si defoglia completamente con temperature di -4/-5°C, mentre temperature inferiori possono danneggare anche il legno; i fiori e i frutti, invece, sopportano valori fino a -2°C.
Non ha invece bisogno di temperature estive molto elevate per la maturazione dei frutti. Le piante sono sensibili anche al vento (frangivento). In periodi prolungati di siccità è necessaria l'irrigazione. Cresce bene anche in terreni poveri e il pH ottimale è intorno a 5,5-6,5°C.
Si innesta su diversi portinnesti, dal franco al limone volkameriano fino all'alemow, al mandarino cleopatra e all'arancio amaro, incompatibile però con alcune varietà come la "Monachello".
A differenza di altri agrumi, i limoni possono maturare anche una volta staccati dalla pianta. Spesso vengono staccati, manipolati e spediti ancora verdi - protetti da un trattamento fungicida e da un'inceratura - quindi trattati in seguito per farli maturare: per questo motivo non è consigliabile utilizzare le bucce dei frutti, a meno che non provengano da colture biologiche.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Adv



MessaggioInviato: 21 Set 2014 21:58:55    Oggetto: Adv






Torna in cima
Staff

Guru
Guru


Admin



Registrato: 27/10/10 09:47
Messaggi: 2315
Staff is offline 
Media Voti Post: User is appraised 3.33 out of 5






italy
MessaggioInviato: 21 Set 2014 22:15:08    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Limone: una pianta diffusa a livello mondiale


Le piante di limone vengono coltivate pressoché in ogni parte del mondo; stime recenti parlano di una produzione globale di circa 4 milioni di tonnellate. Il limone viene coltivato soprattutto nella fascia subtropicale e le maggiori produzioni sono concentrate in India e nell’America del sud, in particolar modo in Argentina e in Messico, grazie ai fattori climatici particolarmente favorevoli. Interessanti produzioni sono anche quelle di Brasile, Spagna, Cile, Uruguay ecc. Anche l’Italia vanta produzioni quantitativamente (e qualitativamente) interessanti. A scopo produttivo, nel nostro Paese il limone viene coltivato soprattutto nelle regioni meridionali, in particolare in Sicilia, Campania e Calabria. La produzione italiana annua di limoni è di poco inferiore alle 600 tonnellate. La Sicilia è il più importante produttore di limoni dell’area mediterranea.

La coltivazione avviene in aree con una temperatura fra i 12 e i 38 °C (Sicilia, Campania e Calabria) e non oltre i 200-300 m di altitudine; i limoni fruttificano dopo quattro o cinque anni in quantità crescente fino al quindicesimo anno (ma esistono esemplari di ottant’anni), dando da 200 a 600 frutti.

Le varietà di limone che vengono coltivate sono moltissime, ma le loro caratteristiche nutrizionali tra una cultivar e l’altra sono molto simili; le differenze più marcate riguardano essenzialmente l’aspetto esteriore e il numero di semi.

Raramente il limone viene consumato come frutto fresco (la sua polpa è particolarmente acida), anche se esistono varietà dal gusto più dolce, per esempio il limone rosso e il limone dolce (Citrus meyeri), che meglio si prestano a questo tipo di consumo, ma non sono particolarmente diffuse. Le fioriture delle varietà di limoni più coltivati possono essere distinte nel seguente modo:

fioritura di marzo-aprile: dà origine ai cosiddetti primofiore e limone d’inverno; la maturazione avviene nel periodo compreso tra ottobre e marzo;
fioritura di giugno-luglio: dà origine ai cosiddetti bianchetti; la maturazione avviene nel periodo compreso tra aprile e maggio;
fioritura di luglio: dà origine ai cosiddetti verdelli; la maturazione avviene nel periodo estivo;
fioritura d’autunno; dà origine ai cosiddetti bastardi; la maturazione avviene nell’autunno successivo;
fioritura di febbraio-marzo: dà origine ai cosiddetti marzani; la maturazione ha luogo nel periodo compreso tra gennaio e marzo.

[/b]

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Staff

Guru
Guru


Admin



Registrato: 27/10/10 09:47
Messaggi: 2315
Staff is offline 
Media Voti Post: User is appraised 3.33 out of 5






italy
MessaggioInviato: 21 Set 2014 22:26:46    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La coltivazione del limone


Il limone è una pianta che ama i climi temperato-caldi, non troppo piovosi e con temperature, come detto, comprese fra i 12 e i 38 °C circa; mal sopporta, se non per periodi di tempo piuttosto brevi, temperature inferiori ai 3 °C. Anche i venti forti e duraturi possono danneggiare la pianta di limone provocando il disseccamento di foglie e giovani germogli.

Le piante di limone prediligono i terreni sciolti o a medio impasto, dotati di buon drenaggio, ben concimati, fertili e profondi. Il pH ideale è compreso tra 6,5 e 7,5. I terreni molto argillosi, quelli calcarei e quelli troppo alcalini non sono adatti alla coltivazione del limone.

La pianta teme particolarmente i ristagni idrici.

La piantagione del limone dovrebbe essere fatta nel periodo primaverile, tra la fine del mese di marzo e quella del mese di maggio, quando ormai non vi è più il rischio di dannose gelate. La preparazione del terreno destinato ad accogliere i limoni deve però cominciare nel primo mese dell’anno, quando si procederà con le varie lavorazioni e la concimazione. Arrivato il momento di impiantare il limone si procederà scassando ed erpicando in profondità il terreno, si prepareranno le buche e poi si potranno mettere a dimora le piantine, spesso disponibili in fitocelle ovvero buste preforate nelle quali vengono messi semi o piantine giovani che si trovano nelle fasi iniziali della loro crescita. Una volta messe a dimora le piante, si procederà con un’abbondante irrigazione.

Per quanto riguarda i portainnesti, la scelta è piuttosto variegata; quelli più usati nel nostro in Paese, scelti a seconda delle tipologie di terreno e delle esigenze pedoclimatiche, sono il Citrus aurantium, il Citrus sinensis, il Citrus volkameriana, il Citrus macrophylla, il Poncirus trifoliata ecc.

La potatura degli alberi di limone viene fatta a luglio, a partire dalla terza settimana. Si procederà alleggerendo la chioma della pianta eliminando i rami rotti, quelli secchi, quelli che hanno già fiorito e quelli piegati verso il basso. È importante ricordare di asportare sempre i cosiddetti succhioni nel caso in cui provengano dalla base dei rami più grandi; se invece si trovano nell’area periferica della chioma sarà sufficiente spuntarli. La potatura del limone non deve essere troppo aggressiva, in modo che sia mantenuto un corretto equilibrio fra la produzione del frutto e la vegetazione.

Nel periodo autunnale e in quello invernale i limoni non hanno particolari necessità di essere irrigati; le cose cambiano nei periodi più caldi quando si dovrà procedere con regolari annaffiature.

La raccolta dei limoni viene effettuata diverse volte l’anno (da 5 a 10) quando i frutti sono ancora verdi oppure quando sono maturati da poco; a differenza di altri agrumi, infatti, i limoni continuano a maturare anche dopo che sono stati rimossi dalla pianta.

Dopo la raccolta si provvederà a concimare la pianta utilizzando un concime organico-minerale.

Coltivazione in vaso


Le piante di limone, come tutti gli agrumi del resto, si prestano molto bene anche alla coltivazione in vaso, particolarmente indicata in quelle zone in cui la stagione invernale è caratterizzata da un clima eccessivamente rigido. Le piante, nei mesi più critici, potranno essere messe al riparo in serra fredda.

Il terriccio deve essere ben sciolto e ben drenante. Sul fondo del vaso è necessario sistemare uno strato di perlite.

I vasi vanno posizionati in luoghi riparati dal vento e particolarmente luminosi ove siano garantite almeno 5-6 ore di luce diretta. Durante i mesi estivi è opportuno, nelle ore più calde della giornata, ombreggiare leggermente le piante.

La concimazione andrà effettuata al momento del rinvaso mescolando terriccio e concime.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Staff

Guru
Guru


Admin



Registrato: 27/10/10 09:47
Messaggi: 2315
Staff is offline 
Media Voti Post: User is appraised 3.33 out of 5






italy
MessaggioInviato: 21 Set 2014 22:35:16    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Curarsi col limone


Limone, anticancro e curativo:
Contrasta l'insorgere dei tumori e disintossica l'organismo mentre riequilibria il Ph del nostro corpo e aiuta ossa e fegato

Fin dai tempi più antichi il limone è stato considerato come un vero e proprio farmaco e un ottimo alleato per il benessere e la salute del corpo. Iniziare la giornata bevendo una tazza di acqua tiepida e limone è un gesto semplice ma con moltissimi esiti salutari.

Vediamo quali sono tutti gli effetti positivi del limone nella nostra alimentazione:

1) recenti studi hanno dimostrato che con i suoi 22 componenti il limone contrasterebbe l'insorgere di tumori, oltre a disintossicare e rimineralizzare l'organismo

2) riequilibra il PH corporeo: grazie alle reazioni alcalinizzanti che innesca
I limoni sono alcalinizzanti e l’acido citrico in essi contenuto invece di creare acidità nel nostro organismo ha una azione contraria - alcalina - che contribuisce a ridurre i livelli di acidità nel sangue e creare un ambiente basico, utile al nostro corpo

3) combatte raffreddori e influenze
grazie all'alto contenuto di Vitamina C e flavonoidi, che lavorano sinergicamente, i limoni sono ottimi alleati per sconfiggere le infezioni

4) contribuisce a dissolvere i calcoli biliari e i calcoli renali
è l’acido citrico contenuto nei limoni che aiuta a sciogliere i calcoli biliari, i depositi di calcio e i calcoli renali

5) ostacola l'insorgere dell'osteoporosi
sempre l'acido citrico che favorisce l'assorbimento e l'impiego di calcio da parte del nostro organismo, evitando il pericolo per le ossa di diventare fragili

6) contrasta l'acido urico e depura il fegato
l'acqua e limone ha un effetto depurativo per il fegato e un effetto diuretico stimolando la diuresi che libera l'organismo dalle tossine. L'acido citrico contribuisce anche a migliorare la funzione degli enzimi che stimolano il fegato e aiutano il corpo a disintossicarsi

7) rafforza i vasi sanguigni, grazie alla vitamina P
protegge dalle malattie di origine neurologica e allevia i problemi respiratori, aiuta a sbarazzarsi da infezioni polmonari

Cool migliora la digestione e favorisce il transito intestinale
il sapore acidulo del limone gli dona la capacità di stimolare la peristalsi - una contrazione dell’intestino - che aiuta a liberarci dalle scorie e a migliorare la regolarità intestinale.

9) contrasta i radicali liberi, e combatte l'invecchiamento cellulare dell'organismo
vitamina C e antiossidanti aiutano a contrastare i danni provocati dai radicali liberi e la formazione delle rughe. La vitamina C uccide alcune tipologie di batteri responsabili dell'acne, ringiovanisce quindi la pelle agendo dall'interno dell'organismo

10) possiede proprietà antibatteriche
i limonoidi, presenti nei limoni, oltre ad essere efficaci contro l’influenza, hanno effetti antibatterici o antivirali su altri tipi di virus.

Altre proprietà non sono provate scientificamente ma si dice che qualche goccia di succo di limone su frutti di mare crudi riduce del 90% i batteri presenti. E lavorare in un ambiente che profuma di limone permette di fare meno errori al computer. Grazie all'olio essenziale di limone che favorisce la concentrazione. Infine frizionare il cuoio capelluto con una lozione a base di olio di oliva e succo di limone contrasta la caduta dei capelli.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Staff

Guru
Guru


Admin



Registrato: 27/10/10 09:47
Messaggi: 2315
Staff is offline 
Media Voti Post: User is appraised 3.33 out of 5






italy
MessaggioInviato: 21 Set 2014 22:43:24    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Discreto è l’apporto di vitamine del gruppo B e della vitamina P. Nella scorza si trova un’altissima quantità di flavonoidi.

· Riduce i livelli di colesterolo e contrasta l’arteriosclerosi: grazie all’azione fluidificante dei citrati di sodio e di potassio, il sangue circola più liberamente nelle arterie e passa facilmente attraverso le pareti dei capillari, apportando alle cellule una maggiore quantità di sostanze nutritive. Se bevuto abitualmente e in quantità significative, il succo di limone aumenta i livelli di colesterolo HDL, il cosiddetto ‘colesterolo buono’ e abbassa il livello di colesterolo LDL, ‘quello cattivo’. Riduce inoltre i livelli di omocisteina messa in relazione con alti rischi d’infarto.

· Combatte reumatismi, artrite e gotta: il limone contiene oligoelementi che sciolgono i cristalli di acido urico. L’acido citrico, inoltre, ha un effetto depurativo.

· Allevia i sintomi di mal di gola, raffreddore e influenza: per le loro proprietà antivirali e antibatteriche gli oli essenziali del limone sono efficaci nel contrastare le malattie infettive. Per stroncare un raffreddore sul nascere, ai primi sintomi, quando la gola inizia a pizzicare, si consiglia di mangiare un limone intero, buccia e semi compresi (di produzione biologica); in caso di mal di gola, si consiglia di fare gargarismi con il succo di limone. Se il naso è otturato, instillate alcune gocce di succo di limone direttamente nel naso.

· Aiuta a digerire i grassi: il limone si è dimostrato utile a chi ha tendenza a formare calcoli alla cistifellea. Uno dei sintomi più frequenti è la difficoltà a digerire i grassi, dovuta alla presenza di piccoli calcoli. A digiuno o lontano dai pasti, bevete il succo di almeno tre limoni nell’arco della giornata.

· Cura le affezioni della pelle: per le sue proprietà antivirali e antisettiche, il succo di limone favorisce la guarigione in caso di verruche, foruncoli, vescicole, afte, pustole, ferite e piaghe. Si consiglia di mettere sulla zona interessata qualche goccia di limone, due o tre volte il giorno.

· Disinfetta: in caso di punture d’insetti (zanzare, pulci o altro) strofinate sulla zona interessata una fettina di limone.

Nello svezzamento: come tutti gli agrumi, il limone può essere introdotto nell’alimentazione del bambino all’ottavo mese. Una o due gocce di questo frutto possono però essere offerte anche nei mesi precedenti, in caso di singhiozzo. Si fa tuttavia eccezione a tali indicazioni se in famiglia vi sono predisposizioni alle allergie: in questi casi per offrire gli agrumi è bene aspettare dopo l’anno, anche qualora il bambino abbia il singhiozzo e comunque, sentire prima il proprio pediatra.

Grazie alle sue mucillagini, il succo di limone ammorbidisce la pelle e la nutre con gli oligoelementi di cui è ricco,
grazie al suo contenuto di vitamina C, di acidi citrico e malico, la tonifica, riduce la secrezione di sebo e mantiene la giusta acidità.

1. Tonico per pelli grasse: massaggiate il viso due volte il giorno (la mattina e la sera), con un batuffolo di ovatta imbevuto di succo di limone (avendo l’accortezza di evitare gli occhi). Lasciate seccare e poi ripetete l’operazione. Alla fine lavate il viso con acqua fredda.

2. Maschera per pelli grasse: sbattete un tuorlo d’uovo con due cucchiai di miele liquido, aggiungete due cucchiai di olio extra vergine d’oliva, amalgamate bene aggiungendo – se necessario – altro olio e infine due/tre cucchiai di succo di limone. Ungete il viso con questa crema e lasciatela seccare. Poi, lavatevi con acqua tiepida.

3. Per ottenere denti bianchi: ogni giorno – per una settimana – affondate i denti in un grosso spicchio di limone (completo di buccia), assicurandovi che penetrino nella polpa e nella parte bianca, quindi passate lo spicchio avanti e indietro per tutta la dentatura.

4. Per rafforzare le unghie fragili: spremete il succo di due/tre limoni in 50 ml di olio di avocado (si trova in erboristeria), miscelate bene e ogni sera ungete le unghie con questo miscuglio. Per evitare, di macchiare la biancheria, indossate guanti di cotone bianco.

Il limone deve avere buccia soda, sottile, liscia, senza macchie e di colore brillante. Per verificare che sia fresco controllate che la rosetta a cui è attaccato il picciolo sia di colore verde. Una buccia rugosa e spessa, macchie verdi, deformità, ammaccature e cicatrici, dovute a grandine o ad attacchi di parassiti, sono da considerarsi difetti. Utilizzate limoni maturi, più ricchi di aroma.
Al momento dell’acquisto accertatevi che i frutti non siano trattati in superficie con una sostanza che impedisce lo sviluppo delle muffe, detta ‘difenile’ o ‘bifenile’. Nel corso di esperimenti di laboratorio condotti su animali, il difenile non si è dimostrato nocivo, ma altera il sapore del frutto. Qualora vogliate utilizzare la scorza, soprattutto se a scopi curativi, si consiglia di acquistare limoni non trattati.

Per conservare i limoni maturi la temperatura ideale è di 0 – 4°C, mentre i limoni verdi possono essere mantenuti a una temperatura di 11 – 14°C. E’ consigliabile, quindi, tenere i limoni maturi in frigorifero, mentre i limoni verdi possono rimanere in un ambiente fresco.
Attenzione: chi soffre d’irritazione allo stomaco o dei postumi di un’ulcera può risultare insofferente al limone. In questi casi bisogna iniziare ad assumere il limone gradualmente. Alcuni sopportano meglio il succo di mezzo limone diluito in acqua fredda, preso prima dei pasti. Altri preferiscono assumerlo dopo il pasto, disciolto in acqua calda addolcita con un po’ di miele.
Inoltre, è del tutto priva di fondamento la credenza, piuttosto diffusa, che il limone possa togliere calcio alle ossa (rendendole fragili), al contrario, l’acido citrico contenuto nel frutto favorisce l’assimilazione del calcio da parte dell’intestino.

È buona abitudine grattugiare un po’ di scorza di limone sulle verdure e sulle insalate, oltre a dare sapore al piatto, la scorza è particolarmente ricca di limonene; è anche possibile sostituire il limone all’aceto di vino nel condire le insalate. Il limone ha un aroma meno aggressivo dell’aceto, si adatta a vivande delicate come pesci, crostacei o verdure di gusto non accentuato. Il succo di limone ha la capacità di ‘cuocere’ le carni, ammorbidendone le fibre e rendendole più digeribili.

· La scorza grattugiata del limone conferisce un aroma gradevole a dolci, gelati, paste frolle e lievitate, creme, carni e salse (grattugiarne solo la parte gialla e non quella bianca che è amara).

· Per evitare che i carciofi puliti anneriscano, immergeteli in acqua acidulata con succo di limone.

· Aggiungete una fettina di scorza di limone al caffè (secondo la tradizione popolare, aiuta la digestione di un pasto ‘pesante’).

· Per eliminare l’odore del cavolfiore, durante la bollitura, mettete mezzo limone nell’acqua di cottura.

· Nella preparazione delle marmellate, durante la cottura della frutta, aggiungete succo di limone. Impedisce che le marmellate inacidiscono.

DAL VEB

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Staff

Guru
Guru


Admin



Registrato: 27/10/10 09:47
Messaggi: 2315
Staff is offline 
Media Voti Post: User is appraised 3.33 out of 5






italy
MessaggioInviato: 08 Ott 2014 01:38:07    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Acqua e limone: 10 benefici per la salute




Bere acqua tiepida e limone è un modo per disintossicarsi e rimineralizzarsi in maniera naturale.

Tra i maggiori effetti positivi troviamo il miglioramento della digestione. Inoltre, il limone è un potente alcalinizzante, che può aiutare a compensare eventuali situazioni di acidosi.


Per dare inizio ad una terapia disintossicante e rimineralizzante a base di acqua e limone dovrete seguire alcune indicazioni. Utilizzate acqua di rubinetto a temperatura ambiente o leggermente tiepida. Scegliete sempre limoni freschi. Spremete mezzo limone in un bicchiere e colmatelo con l'acqua.
E' bene bere l'acqua e limone al mattino, a digiuno. Evitate l'acqua fredda per la preparazione dell'acqua e limone, poiché richiederebbe un maggior dispendio di energia da parte dell'organismo per l'assimilazione della bevanda. E' utile grattugiare la scorza dei limoni prima di spremerli, in modo da poterla conservare ed utilizzare per cucinare.


I 10 benefici dell'acqua e limone


1) Migliora la digestione

Il succo di limone stimola la produzione della bile da parte del fegato, necessaria nel coso della digestione. I limoni sono ricchi di vitamine e di sali minerali, che aiutano ad espellere le tossine accumulatesi nel tratto digerente. Le proprietà digestive del limone contribuiscono ad alleviare i sintomi della digestione, come bruciore di stomaco e gonfiore.


2) Depurativa e diuretica

Ha un effetto depurativo e diuretico.
Bere acqua e limone aiuta l'organismo a liberarsi delle tossine, poiché questa bevanda stimola la diuresi. Le tossine vengono espulse più rapidamente, garantendo la salute dell'apparato urinario. L'acido citrico presente nei limone contribuisce a massimizzare la funzione degli enzimi che stimolano il fegato e aiutano il corpo a disintossicarsi.


3) Stimola il sistema immunitario

I limoni presentano un elevato contenuto di vitamina C, utile nel contrastare e nel prevenire l'influenza. Sono ricchi di potassio, che stimola la funzionalità dei nervi e del cervello. Il potassio aiuta inoltre a ridurre la pressione sanguigna. La vitamina C ha effetti antinfiammatori e viene utilizzata come aiuto contro l'asma ed altri sintomi respiratori. Inoltre, migliora l'assorbimento del ferro da parte dell'organismo. Il ferro è importante affinché il sistema immunitario funzioni in modo corretto. I limoni inoltre riducono la quantità di muco prodotta nel


4) Regola il pH

I limoni sono tra gli alimenti più alcalinizzanti. L'acido citrico in essi contenuto infatti non crea acidità nel corpo, una volta metabolizzato. Acido citrico e vitamina C contribuiscono a ridurre i livelli di acidità del sangue. Bere acqua e limone regolarmente aiuta ad evitare una situazione di acidosi nell'organismo. Ad esempio, la presenza di acido urico a livello delle articolazioni è una delle cause principali di infiammazione.


5) Purifica la pelle

La vitamina C e gli antiossidanti contenuti nel limone aiutano a contrastare i danni provocati dai radicali liberi e la formazione delle rughe. La vitamina C è fondamentale per avere una pelle splendente e la sua natura alcalina uccide alcune tipologie di batteri responsabili dell'acne. Essa ringiovanisce la pelle agendo dall'interno dell'organismo.


6) Energia e buonumore

L'energia che riceviamo dal cibo che mangiamo deriva dagli atomi e dalle molecole che lo compongono. Il limone ed il suo succo contengono ioni negativi che permettono di donare all'organismo maggiore energia durante la digestione. L'aroma di limone possiede inoltre la proprietà di stimolare il buonumore e di ridurre ansia e depressione.


7) Guarigione

La vitamina C contenuta nel succo di limone stimola la guarigione delle ferite ed è un nutriente essenziale per mantenere la salute delle ossa, del tessuto connettivo e della cartilagine. Possiede inoltre proprietà anti-infiammatorie. La vitamina C contribuisce al mantenimento di una buona salute e al suo recupero dopo la malattia o un infortunio.


Cool Rinfresca l'alito

I linoni rinfrescano l'alito, aiutano a liberarsi dal mal di denti e dalla gengivite. L'acido citrico contenuto nei limoni può erodere lo smalto. Per questo motivo si consiglia di attendere per un po' di tempo nel lavarsi i denti dopo aver bevuto acqua e limone, o di lavarli prima di berla. E' utile inoltre risciacquare la bocca con della semplice acqua dopo aver bevuto acqua e limone. Per proteggere lo smalto, si consiglia inoltre di assumere la bevanda con una cannuccia.


9) Idratazione

L'acqua e limone contribuisce all'idratazione dell'organismo e supporta il sistema linfatico. Se l'organismo non risulta idratato a sufficienza, possono insorgere alcuni sintomi, tra i quali troviamo stanchezza, scarse difese immunitarie, stress, mancanza di chiarezza mentale e di energia, pressione alta o troppo bassa, insonnia e stitichezza.


10) Dimagrire

Bere acqua e limone può stimolare la perdita di peso. I limoni sono ricchi di pectina, una fibra che aiuta a contrastare la fame improvvisa. Alcuni studi hanno dimostrato che coloro che seguono una dieta alcalinizzante riescono a perdere peso più rapidamente.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Casa, Dolce Casa -> Il Giardinaggio & l'Orticello Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008